Lago maggiore
home > dove dormire > vogogna > castello visconteo di vogogna
Castello Visconteo di Vogogna
Altre attrazioni Vogogna

meteo Vogogna

OGGI

min 12°

max 20°

DOMANI

min 15°

max 18°


fonte: ilmeteo.it

attrazione di Vogogna

Castello Visconteo di Vogogna

Il Castello Visconteo di Vogogna si erge su un'altura da cui domina il borgo sottostante: è evidente la volontà difensiva che mosse il suo committente, Giovanni Maria Visconti, desideroso di realizzare un baluardo per tutta la valle e in particolare per il paese di Vogogna, che nel 1328 divenne capitale dell'Ossola Inferiore. Il nucleo più antico è quello costituito dalla torre quadrata, l'unica parte non interessata dal restauro del 1990, e dalla porzione di cinta muraria più vicina al monte.

La storia del Castello di Vogogna

Nel 1348 Giovanni Visconti fece ingrandire la fortificazione esistente edificando nuovi corpi di fabbrica nei pressi di quelli già presenti: vennero così accostati elementi architettonici a volte piuttosto diversi dal punto di vista stilistico. Diretta conseguenza di ciò fu anche la pianta irregolare che ancora oggi distingue il complesso, accentuata anche dalle caratteristiche peculiari del terreno.

Allo stesso periodo risale l'ampliamento della cinta muraria (fino ad includere l'intero borgo a scopo difensivo) e la costruzione, ai piedi della scalinata che sale al castello, del Palazzo del Pretorio che sarà la sede del Vicario. Nel 1360 il castello subì l'assalto della lega capeggiata dal marchese del Monferrato, quindici anni più tardi fu la volta degli Spelocri, una fazione che aveva come centro l'acerrima antagonista di Vogogna, Domodossola, capitale dell'Ossola Superiore.

Dalla fine del Settecento il castello divenne di proprietà comunale e fu impiegato come luogo di reclusione sia per prigionieri politici che per delinquenti comuni. Nel 1970 fu chiuso al pubblico, ma per vedere l'inizio dei lavori di ristrutturazione bisogna attendere ancora un ventennio. Occorreranno però quasi trent'anni perché il castello venga riaperto al pubblico con l'inaugurazione del giardino e delle corti esterne. Dal 1998 al 2004 sono state aggiunte nuove infrastrutture all'interno del complesso: l'inaugurazione ha avuto luogo il 4 giugno 2005.

Il Castello Visconteo di Vogogna: il complesso

Ciò che colpisce l'attenzione del visitatore è la torre semicircolare di cinque piani (altezza 19,40 m).
Gli storici ipotizzano che fosse merlata e che la copertura fosse stata realizzata in epoca successiva rispetto al resto della struttura costruita probabilmente nel Quattrocento. La torre assunse in seguito la funzione di prigione e la mantenne fino al 1914. All'interno sono ancora visibili le anguste celle e i graffiti realizzati dai condannati: dopo i lavori di restauro questi spazi ospitano al piano terra mostre permanenti e al primo piano esposizioni itineranti, come quelle del corpo centrale. Esso è limitato a ovest dalla torre semicircolare e ad est da quella quadrata. Le stanze dei tre piani che costituiscono l'edificio sono dotate ognuna di un camino: questo farebbe ipotizzare un uso abitativo.

L'ultimo piano viene attualmente utilizzato come sala informativa e per ospitare conferenze organizzate dal Centro Multimediale, ubicato invece nella torre quadrata. Al suo interno è stata realizzata una struttura trasparente di tre piani: il primo è riservato alla consultazione mentre negli altri vengono prodotti e archiviati i materiali multimediali.

Galleria foto Castello Visconteo di Vogogna